Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezioneCookie Policy

Loading feeds...

Custom Logo Design

Area riservata

Cerca

Storia del Calcio a 5

Il calcio a cinque, nato come trasposizione del calcio a 11 in un campo più piccolo, è divenuto in breve tempo una disciplina autonoma con regole e caratteristiche proprie: un’attività sportiva innovativa e spettacolare oggi seguita da un pubblico sempre più vasto, competente e appassionato. La facilità di svolgimento della disciplina (bastano un rettangolo di gioco di 40x20 metri e 10 persone per disputare una partita), la velocità e le tattiche sempre più fini connotano il futsal come un gioco moderno: dinamismo, celerità, apertura all’innovazione sono i requisiti richiesti a chi oggi, con ruoli diversi, vuole operare nel mondo del calcio a 5. Il calcio a 5 (spesso chiamato anche calcetto) è uno sport di squadra nato nel XX secolo in terra uruguaiana (il nome originale era fútbol de salón, ma questo sport è più noto come futsal, calcio da sala); l'invenzione del calcio a 5 va attribuita a un professore di educazione fisica di Montevideo, Juan Carlos Ceriani Gravier. L'idea di base di Gravier era quella di far giocare a calcio i suoi studenti pur non avendo a disposizione un campo sportivo; inventando questa variante del calcio, Gravier poteva sfruttare sia ambienti al chiuso (la palestra) sia le aree di gioco all'aperto (campi di basket o di hockey). Gravier codificò il calcio a 5 attingendo ovviamente a piene mani dal gioco del calcio, ma aggiunse anche diversi elementi di altri sport. Così unendo le regole del basket, della pallacanestro e della palla a mano, nacque il futsal. Il calcio a 5 conobbe una rapida diffusione nelle nazioni del Sud America, in particolar modo in Brasile, più tardi si è diffuso ampiamente anche in Europa. Nel nostro Paese il calcio a 5 è uno sport molto praticato a tutti i livelli; la diffusione del calcetto in Italia è iniziata verso la fine degli anni '80; da allora il numero dei praticanti di calcio a 5 è costantemente in ascesa. 
La gestione del calcio a 5 a livelli ufficiali ha avuto una storia travagliata, fra nascite di associazioni, scissioni ecc. Attualmente, a livello ufficiale, le due più importanti associazioni relative al calcio a 5 sono la AMF (Asociación Mundial de Futsal) e la FIFA (Fédération Internationale de Football Association). Ognuna delle due ha la propria versione di calcio a 5, ma, com'è facilmente intuibile, i punti in comune sono numerosi. 
La pratica del calcio a 5 interessa un range di età decisamente ampio; la diffusione del calcetto è facilitata dai numerosi impianti disponibili, spesso dotati di illuminazione, cosa che consente di organizzare partite serali e conseguentemente di allargare la sua praticabilità a coloro che il giorno sono impegnati in attività lavorative. 

 

Regolamento Calcio a 5: Clicca qui

 

Ha collaborato alla realizzazione dell'articolo: A.E. Carmelo Loddo - CAN 5

LegetjBabytilbehrLegetj og Brnetj